Guida TvGuida Tv

Merlin

Lunedì dalle 13:30 alle 14:10 su Paramount Channel

Dal lunedì al venerdì alle 18.55 Una storia che tutti conosciamo: chi per averla letta nei grandi classici della letteratura europea che risalgono a quasi mille anni fa, chi perché storie, personaggi e intrighi sono ormai parte della cultura popolare di centinaia di milioni di persone. Se si nominano re Artù e mago Merlino subito per associazione di idee arrivano la tavola rotonda, la spada Excalibur, Ginevra e Lancillotto. Nomi che forse non sentivamo da tempo, ma che sono lì, nella nostra testa, pronti a riemergere. È questo, probabilmente, il punto di partenza da cui si sono mossi gli autori di Merlin, serie tv andata in onda dal 2008 al 2012 su BBC One, il primo canale del servizio pubblico inglese. L’ambientazione è in fondo quella del ciclo arturiano, ma il taglio è decisamente più moderno: Merlin è la storia del giovane mago (Colin Morgan), che arriva a Camelot come mago in erba, in un periodo in cui la magia non è vista di buon occhio, anzi. La sua vicenda si intreccia con quella di Arthur (Bradley James), il futuro re Artù, con cui intreccia un rapporto di profonda amicizia e lealtà: Merlin sa di dover proteggere Arthur da tutti i pericoli che incombono su di lui e in particolare dalle trame di Morgana (Katie McGrath), maga che ha tradito Camelot e minaccia di distruggerne la serenità. Quella di Merlin e Arthur è una storia ricca di azione e avventura, attraversata però sempre da una vena leggera, che stempera la narrazione e rende l’ambientazione fantasy godibile anche per chi non è fanatico del genere. Senza dimenticare la parte sentimentale, perché Arthur non può essere davvero Artù senza la sua Ginevra (Angel Coulby). Nel corso di cinque stagioni e oltre sessanta episodi, Merlin si impone così a livello mondiale come un prodotto fresco e innovativo, perfettamente inserito in quel vasto filone di opere che, a partire dalla metà degli anni zero, inizia a sdoganare storie e temi considerati di nicchia presso un pubblico sempre più ampio ed eterogeneo. Un esperimento ben riuscito, ancora divertente e appassionante a distanza di oltre sette anni dalla messa in onda del primo episodio.